IDEA

Il Centro idee - dalla data della sua costituzione ad oggi - mette al primo posto tra i suoi servizi quelli dedicati all’età evolutiva, dalle generiche difficoltà ai veri e propri disturbi. Negli anni il Centro è cresciuto ampliando la sua offerta in termini di servizi e fascia d'età cui indirizzarli. Tale estensione rappresenta l’evoluzione delle competenze specialistiche dei membri che compongono la sua equipe.

Per questo motivo, utilizzando un gioco di parole, diciamo che ci è venuta un’idea estendendo così i nostri interventi ai disturbi dell'età adulta. In primis la valutazione cognitiva dell’adulto, dallo studente universitario "sfuggito" a una più corretta valutazione durante la scuola primaria all’adulto ormai fuori dal circuito scolastico che ha mantenuto nel tempo un dubbio su alcune sue difficoltà.

A seguire, i servizi di psicoterapia dell’adulto. Lo scenario sociale su cui si proiettano le nostre esistenze è sempre più complesso e difficile da decifrare. Venuti meno alcuni punti di riferimento “tradizionali” (la religione, la scienza come fede, la famiglia tradizionale, il posto fisso, etc.) – cornici di significato – la definizione di noi stessi e del mondo che ci circonda è diventata sempre più incerta. Incerta la definizione dei ruoli familiari/sociali e delle aspettative sul futuro.

Vi sono poi eventi (nascita di un figlio, separazione, malattia, lutto, trasferimenti, ecc.) e snodi evolutivi (ad es., l’adolescenza, il passaggio dall’età adulta a quella matura, etc.) che richiedono una capacità di adattamento e riorganizzazione personale/familiare e che possono determinare periodi - anche transitori - di disagio o malessere.

A vecchie modalità di esprimersi del malessere (ansia, depressione, fobie, disturbi del comportamento alimentare, ecc.) si affiancano nuove espressioni di questo (ad es., dipendenze sentimentali, da tecnologia, da sostanza stupefacente/alcol/farmaco, da gioco d’azzardo, ecc.), con una stessa conseguenza: una compromissione significativa della qualità di vita.

A tutte queste diverse condizioni di malessere, la psicoterapia risponde con un discorso potente che si oppone alla disumanizzazione del mondo e stimola a ritrovare i significati dei propri vissuti e comportamenti mettendo a disposizione uno spazio di pensiero riflessivo e creativo.